Bilancio di Torino: operazione trasparenza


La trasparenza è un nostro valore, e il modo migliore per affermarlo è metterla in pratica.
Di seguito trovate un’agenzia che evidenzia nel merito gli elementi più rilevanti e il file pdf con i dati di sintesi del bilancio della Città di Torino 2017 approvato dalla Giunta.

 

Nel bilancio di previsione 2017 “le entrate totali, compreso l’avanzo di amministrazione che non c’è più, e’ inferiore di 90 milioni rispetto all’anno precedente”. Ad annunciarlo, nel corso della Commissione Bilancio di questa mattina, l’assessore comunale Sergio Rolando. Un dato ripreso anche dalla sindaca Chiara Appendino a margine della presentazione del progetto Co-City.
A chi le chiedeva cosa risponderebbe alle critiche del suo predecessore Piero Fassino che l’ha accusata di demagogia, Appendino replica che “non è demagogia, ma senso di responsabilità, demagogia è non affrontare i problemi per paura di perdere consenso. Come abbiamo visto questa mattina in commissione – aggiunge – si parte da -90 milioni, è chiaro che significa fare degli interventi di spesa”. La sindaca ricorda poi che “la manovra in entrata è valsa un milione, quindi se devi decidere dove tagliare – 90 milioni, se non vuoi gonfiare le entrate, è chiaro che fai scelte di responsabilità e noi lo abbiamo fatto. Entro marzo – ribadisce la prima cittadina – dovevamo definire i posti nido che potevamo mettere a disposizione dei torinesi e abbiamo scelto di mantenere tutto il sistema del welfare e dei servizi educativi e tagliare temporaneamente circa5 milioni alla cultura, ma stiamo lavorando per trovare le risorse aggiuntive. Ricordo – conclude – che è il primo anno che si approva il bilancio a marzo quindi abbiamo ancora qualche mese di margine”

 

Bilancio_Torino_2017