Ex Moi: presto la liberazione della prima palazzina


La prima volta in cui ho incontrato Renato Saccone, nominato Prefetto di Torino neanche due mesi dopo il mio insediamento, ci siamo guardati per qualche secondo e poi ci siamo detti “Okay, Ex-Moi”.

Avevamo entrambi ben presente che ripristinare la legalità e la dignità all’interno delle 4 palazzine fosse un’urgenza assoluta per la Città, e non abbiamo perso tempo.

 

Ex-Moi: cosa succederà in primavera

Oggi vi posso dire che stiamo lavorando per liberare la prima delle palazzine dell’ex villaggio olimpico entro la fine della primavera. Potremo raggiungere questo obiettivo grazie al tavolo tecnico interistituzionale che stiamo costruendo fra la Città di Torino (che sarà capofila), la Prefettura, la Regione Piemonte, la Compagnia di San Paolo, la Diocesi e la Città Metropolitana di Torino insieme a un Project Manager che lavorerà direttamente all’Ex-Moi.

Questo gruppo di lavoro è impegnato ad individuare possibili percorsi di inclusione sociale per le persone che stanno attualmente vivendo all’ex-Moi in condizioni inaccettabili.

La progettazione condivisa e un dialogo costante con loro è un elemento fondamentale per la riuscita del processo: sarebbe irresponsabile pensare semplicemente di sgomberare gli occupanti e aver risolto il problema. È imprescindibile coinvolgerli per evitare che situazioni simili o peggiori si ricreino in altri punti della Città.

 

 

Share