Campi Rom: il 2020 sarà l’anno del loro superamento

Era il 2016. Dal giorno dopo che i cittadini hanno scelto di darci la loro fiducia abbiamo iniziato a lavorare su situazioni – vere e proprie emergenze sociali – che a Torino erano state abbandonate a se stesse da troppo tempo. 

Ex-MOI: la prova sul campo del Modello Torino

Tra queste c’era l’ex-MOI che, come sapete, dopo oltre 5 anni è stato liberato con un modello completamente nuovo. Il cosiddetto Modello Torino, dove la collaborazione tra Istituzioni, realtà del territorio e del Terzo Settore, ha portato a superare una situazione di estremo disagio coniugando solidarietà e rispetto delle regole. 

Il 30 luglio 2019 è stata così messa la parola fine alla più grande occupazione d’Europa che andava avanti dal 2013.
Tutela dei diritti, rispetto dei doveri. Due semplici regole alla base di questo modello.
Lo avevamo promesso e lo abbiamo fatto. 

2020: superare i campi Rom con il Modello Torino

Ora, sulla stessa falsariga, è il momento di andare avanti e di far fronte a un altro fenomeno che, troppo spesso, si è rilevato emergenza sociale. Mi riferisco al delicato tema dei campi Rom

In questi anni, come sapete, sono già stati superati i campi di via Reiss Romoli, di corso Tazzoli e di corso Vercelli. Recentemente sono stati anche superati l’assembramento di corso Cosenza e quello davanti allo SNOS di corso Mortara. 

Inoltre sono state abbattute baracche vuote nell’area abusiva di via Germagnano, riducendola del 30%. 

Dal punto di vista dei roghi dei campi, invece, abbiamo visto una diminuzione drastica dei roghi tossici, che sono calati dell’80%

roghi-tossici-campo-rom-torino

Tutto questo è dovuto a una maggiore attenzione da parte delle Istituzioni: Prefettura, Questura, Amministrazione comunale. 

Come si dice in questi casi “la musica è cambiata” e si assiste a un abbandono spontaneo della Città da parte di persone che vivono nei campi e non sono interessate a intraprendere percorsi di inclusione.

Se infatti i Servizi Sociali della Città sono pienamente a disposizione per chi vuole inserirsi in percorsi di integrazione – a cominciare dalla scolarizzazione dei bambini – quella stessa Città non può dare spazio a chi non è disposto ad adeguarsi alle regole della Comunità. 

Tutto questo si colloca nell’ambito del Progetto Speciale Campi Rom, di cui vi avevamo parlato ormai più di due anni fa. 

 

Ma andiamo oltre e giungiamo a quello che (per il momento) è l’ultimo atto della vicenda. 

Via Germagnano: il campo autorizzato verrà superato entro quest’anno

Entro la fine di quest’anno, in linea con quanto avevamo detto, anche il campo autorizzato di via Germagnano verrà superato.  

Per farlo ci faremo forza di quello stesso Modello Torino di cui vi ho parlato sopra e su cui lavoriamo dal 2016. 

Campi-Rom-regolamento-torino-1024x669

Grazie alla collaborazione con Regione Piemonte, Prefettura, Questura e Diocesi, partiremo dall’area autorizzata di via Germagnano per passare poi al campo di Strada dell’Aeroporto e, a seguire, di tutti gli altri accampamenti. 

Cercheremo ovviamente la collaborazione con le famiglie. Offriremo – come in tutte le altre situazioni di difficoltà – un aiuto per avviare un percorso di inclusione e di formazione. Studieremo soluzioni abitative grazie anche al prezioso contributo della Diocesi. Definiremo delle regole chiare per aderire a questo progetto. 

Visita_Nosiglia_Campo_Via_Germagnano-Torino

Chi vorrà partecipare attivamente avrà la piena disponibilità da parte della Città, per tutti gli altri, non saranno tollerati spazi di illegalità

Alla fine di questo mandato il tema dei campi Rom, per i cittadini torinesi, sarà stato fortemente ridimensionato. 

A tutte e tutti coloro che faranno la loro parte, il più sentito ringraziamento da parte della Città.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Iscriviti per rimanere in contatto

Grazie per esserti iscritto!

C'è stato un errore nell'inoltrare la richiesta. Per favore, riprova.

Chiara Appendino userà le informazioni che fornirai per rimanere in contatto con te e per attività elettorali