Casa delle Tecnologie emergenti. Il progetto di Torino CTE NEXT conquista il primo posto

Casa delle Tecnologie Emergenti: vince Torino con CTE NEXT

Nella nostra Città arriverà il finanziamento per un nuovo polo tecnologico dove PMI e startup potranno sviluppare e testare prodotti e servizi. Creare valore e nuovi posti di lavoro.

Dopo obiettivi raggiunti come il polo nazionale per l’intelligenza artificiale (I3A), Torino Reshoring e molti altri, prosegue dunque, concretamente, il nostro impegno per restituire a Torino quella vocazione industriale che fa parte della sua storia, ma in grado di guardare al futuro e di vincere le sfide del nostro tempo.

Vediamola così: un bellissimo regalo di Natale per Torino. Un altro patrimonio di valore e trampolino di lancio per il futuro che lasceremo in eredità alla Città, nella speranza che la prossima Amministrazione possa valorizzarlo al meglio.

Ma ecco qualche dettaglio.

Cos’è la Casa delle Tecnologie Emergenti

La “Casa delle Tecnologie Emergenti” – che si chiamerà CTE NEXT – consentirà di realizzare a Torino un centro di trasferimento tecnologico diffuso sulle tecnologie emergenti in settori individuati come strategici per il territorio torinese: mobilità intelligente, industria 4.0 e servizi urbani innovativi.

Andrà a integrarsi a Torino City Lab e sarà un ulteriore, fondamentale, tassello nella visione di una Torino che possa davvero tornare a vedere nell’impresa e nella manifattura le sue principali leve di sviluppo. Guardando al futuro e governando il cambiamento in essere.

Quanto vale in termini di investimento?

L’investimento richiesto dalla Città al Governo è di 7,5 milioni. A cui si aggiungono altri 6 milioni che arriveranno dai privati.

Dove sorgerà?

Gli spazi destinati a CTE NEXT saranno quelli del CSI in corso Unione Sovietica. Con ramificazioni su un’ampia parte del territorio cittadino: dal competence center per la nuova manifattura CIM 4.0 del quartiere Mirafiori, al Dora Lab a Nord della città e lungo le sponde del fiume Po, dove saranno installati sensori per lo sviluppo e la sperimentazione di tecnologie innovative.

Rendering degli spazi di CTE NEXT

Chi ne farà parte?

La Città di Torino è capofila del progetto. Si tratterà tuttavia, come sempre, di un grande lavoro di squadra sul territorio. Sarà infatti affiancata da enti che operano nel campo della ricerca (Politecnico di Torino, Università degli Studi di Torino, Fondazione Links e il CIM 4.0), da partner tecnologici (CSI Piemonte, TIM; 5T; Fondazione Torino Wireless), e da realtà che si occupano di sviluppo del territorio (gli incubatori I3P e 2i3T, Talent Garden e Digital Magics). A tutti loro, il nostro ringraziamento.

Come opererà?

CTE NEXT punta a coinvolgere nei prossimi quattro anni un ecosistema di oltre 3000 soggetti tra istituzioni, aziende e singoli cittadini. Nel corso della sua operatività supporterà con attività di indirizzo verso percorsi di innovazione circa 400 imprese tra PMI, startup, aspiranti imprenditori e, inoltre, si propone di coinvolgere 120 imprese in percorsi di formazione grazie alla collaborazione con atenei e centri di ricerca.

Ringrazio l’Assessore Marco Pironti per il suo straordinario lavoro che ha portato il nostro ad essere il miglior progetto scelto dal Governo. Con lui l’attuale Ministra all’innovazione ed ex assessora, Paola Pisano, con cui tutto era partito. Ringrazio il MISE. E ringrazio gli uffici e tutte e tutti coloro che dall’inizio hanno creduto in questo obiettivo.

#TorinoRiparte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.