mappa delle manutenzioni stradali di torino

[IN AGGIORNAMENTO] La mappa delle manutenzioni stradali di Torino

Torno a ripeterlo da subito: la mappa che vedete qui pubblicata è in continuo aggiornamento con i dati che arrivano dagli uffici tecnici.

Questo significa che, quelli che vedete, non sono tutti gli interventi, bensì una parte e ne verranno aggiunti nelle prossime settimane. Trovate sia quelli già conclusi (compresi quelli svolti durante il lockdown) sia quelli che verranno avviati da qui a settembre.

 

Manutenzioni stradali: cosa c’è da sapere

Non c’è sindaco al mondo che non si senta chiedere di riparare le buche nelle strade.
E a ragione.

Torino, in particolare, per diversi motivi a cui più avanti farò cenno, negli ultimi dieci anni ha sofferto particolarmente in termini di manutenzioni stradali.

Si tratta di un tema che abbiamo a cuore e su cui ci siamo spesi dall’inizio del mandato. Sui canali miei e della Città sono stati dati spesso aggiornamenti in tal senso, anche con immagini prima e dopo i cantieri.

Strade di Torino prima e dopo

Negli scorsi anni siamo anche intervenuti con la “macchina tappabuche”, uno strumento in grado di intervenire rapidamente e in modo duraturo su danni al manto stradale di piccole dimensioni.

Ove possibile, tuttavia, abbiamo proceduto con il rifacimento dell’intera superficie.

Lavori sulle strade: come si decidono e si programmano?

A dare la priorità circa le manutenzioni da fare sono, ovviamente, gli uffici tecnici del Comune che, grazie allo storico dei cantieri, a un monitoraggio continuo con vari strumenti e alle segnalazioni di Circoscrizioni e cittadini, stilano una mappa degli interventi da fare.

Ogni anno, a bilancio, vengono disposti fondi per manutenzioni ordinarie e straordinarie su suolo e viabilità.

Nonostante le note difficoltà dei conti dell’Ente, consci dell’importanza di questi interventi, negli scorsi bilanci abbiamo sempre dato massima priorità a questo capitolo, arrivando al bilancio 2020 con un +25%, come si legge in questo articolo.

Estate e autunno 2020: un piano straordinario per le manutenzioni stradali

Nei prossimi mesi, sulle strade di Torino, vedrete numerosi cantieri di manutenzione stradale, come non si vedevano da molti anni.

Prima di commentare “È campagna elettorale!”, fermatevi un secondo e lasciatemi spiegare.

Dicevamo che i fondi delle manutenzioni stradali vengono definiti dal bilancio previsionale che l’Ente stila ogni anno.

È ovvio che tanto più tardi viene approvato il bilancio, tanto più tardi verranno bandite le gare, assegnate, avviati e consegnati i lavori. Insomma, già le procedure pubbliche non sono snelle per definizione, se si aggiungono lungaggini amministrative è facile allungare i tempi.

Ma allora cosa succede quest’anno?

Succede che per la prima volta da 24 anni il bilancio di previsione 2020 è stato approvato entro l’anno solare. Questo vuol dire che succede esattamente il contrario di quanto descritto poco sopra: partono prima le gare, vengono assegnate prima, partono prima i cantieri e si concludono prima i lavori.

Ma, attenzione, ai lavori finanziati dal bilancio 2020 si aggiungono quelli ancora non conclusi delle manutenzioni straordinarie 2018 (che vedete nella mappa) e 2019.

Significa che, finalmente, anche per ciò che riguarda le manutenzioni stradali, vedremo realizzarsi concretamente i progetti previsti da questa Amministrazione.

L’attenzione sulla manutenzione del suolo dovrà rimanere alta

Questo deve essere chiaro, a noi come alle future Amministrazioni. 

È un fatto che le strade tendano a danneggiarsi prima. Questo non avviene solo a Torino ma in tutte le città. 

I motivi principali sono due: eventi atmosferici violenti e circolazione di mezzi pesanti

Per ciò che riguarda questi ultimi, il discorso è semplice: tanto più il suolo viene usato tanto più si consuma. Pullman, camion, ma anche auto, portano naturalmente al deterioramento della pavimentazione. Si formano crepe, nelle quali si inseriscono acqua piovana e detriti e con le successive compressioni l’asfalto si spacca, creando le buche. 

Occorre intervenire al momento giusto per prevenire situazioni di ammaloramento sempre più gravi. Come ho scritto prima, anticipando il bilancio 2020, quest’anno ed il prossimo sarà possibile prevenire invece che curare.

Ma, a proposito di acqua, c’è un altro tema che interviene. I già citati fenomeni atmosferici violenti. 

Come ormai ogni torinese sa, negli ultimi anni violenti temporali estivi sono sempre più frequenti. Spesso accompagnati da forti piogge e grandinate. Questi contribuiscono, non poco, al danneggiamento del suolo pubblico (e non solo). 

Su questo non possiamo farci niente se non monitorare e proseguire con interventi mirati e puntuali.

Cosa che, ovviamente, continueremo a fare. 

Grazie per aver letto fin qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

5 commenti su “[IN AGGIORNAMENTO] La mappa delle manutenzioni stradali di Torino”